Contenuto Principale
Energia dal mare: come migliorarne l’efficienza? Uno studio inglese-israeliano spiega come farlo e come mettere in sicurezza l’impianto Stampa E-mail
Energia marina
 
02 Luglio 2012
 

previsione moto ondoso

L’energia generata dagli oceani potrebbe essere raddoppiata utilizzando nuovi metodi per la previsione del moto ondoso. È quanto si afferma in uno studio condotto da un team di matematici e ingegneri delle università di Exeter (Regno Unito) e di Tel Aviv, pubblicato nella rivista Renewable Energy.

 

L’energia ricavabile dal moto ondoso – si osserva in questo lavoro – rappresenta in ragione del suo potenziale una risorsa di straordinaria importanza per il futuro fabbisogno energetico. Paesi particolarmente dotati, come il Regno Unito, potrebbero ottenere in linea teorica dalla risorsa oceanica il doppio  di tutta l’energia elettrica di cui hanno bisogno.

 

Tuttavia, nonostante gli importanti progressi che sono stati compiuti negli ultimi anni, le tecnologie in uso per sfruttare l’energia marina sono ancora immature e l’energia elettrica ottenuta da questa fonte non è competitiva sul mercato in assenza di generose sovvenzioni. Restano da affrontare, infatti, alcune sfide-chiave sia sul piano dell’efficienza, sia su quello della sicurezza dell’impiego, essendo ancora elevato il rischio di seri danneggiamenti  delle apparecchiature derivanti da condizioni atmosferiche marine particolarmente ostili.

 

Lo studio effettuato da questo team di ricercatori affronta entrambi i problemi ed indica come soluzione un nuovo metodo di previsione del moto ondoso che, mentre si rivela utile ad aumentare l’efficienza dell’impianto, riduce i rischi di danneggiamento dell’apparato.

 

Migliorando la capacità di previsione del moto ondoso si può estrarre, infatti, una maggiore quantità di energia dalle onde in arrivo, ma queste stesse informazioni possono essere utilizzate per controllare attivamente la capacità di  risposta del dispositivo ad un’ondata di determinate dimensioni, riducendo così il rischio di danneggiamento delle apparecchiature o evitando che venga spento in previsione di condizioni atmosferiche avverse.


Lo studio sulla previsione del moto ondoso


(Mauwa Lauro)

Commenti

Autenticarsi per postare commenti o risposte.
 

I commenti dei visitatori

Gianluca:
ARTICOLO MENZOGNERO.
Come tu...

Ass. Intercomunale Lucania:
Il solare termodinamico, molto spes...
Valter:
Entro il 2020, come è riportato ne...
 


Cloud