Contenuto Principale
Climatizzazione: cresce in Italia la diffusione delle caldaie a condensazione e delle pompe di calore Stampa E-mail
Consumi energetici
 
09 Giugno 2014
 

climatizzazione studio Ref-e

Si va evolvendo rapidamente in Italia anche il mercato della climatizzazione domestica dove il gas naturale continua a rivestire un ruolo dominante  ma mostra una marcata diminuzione nel segmento del riscaldamento autonomo a tutto vantaggio delle tecnologie alimentate da fonti rinnovabili e, in particolare, dalle biomasse.

 

La nuova edizione annuale dello studio realizzato da Ref-e sulla diffusione delle tecnologie per la climatizzazione residenziale in Italia conferma sostanzialmente le tendenze in atto già rilevate nel precedente rapporto.  L’indagine ha riguardato, in particolare, l’installazione di tecnologie relative ai sistemi di riscaldamento autonomi e centralizzati sia in edifici di nuova costrizione, sia in edifici già esistenti, andando a quantificare il numero e il tipo di apparecchi che sono stati oggetto di sostituzione.

 

Dallo studio emerge che, pur a fronte di un impatto ancora contenuto delle nuove tecnologie e di fonti diverse dalle tradizionali , sta assumendo consistenza nel nostro Paese lo switch verso il teleriscaldamento e che sta guadagnando buone posizioni la diffusione delle caldaie a condensazione.

 

In dettaglio, lo studio mostra che nel 2012 sono stati installati in Italia 1,7 milioni di apparecchi nel settore residenziale. Rispetto al totale degli impianti esistenti, le caldaie a gas occupano saldamente la prima posizione con circa 14 milioni di apparecchi. Quelle a Gpl sono circa 1,6 milioni, mentre quelle alimentate a gasolio non superano le 600.000. Molto consistente è anche il numero di stufe e camini (5,3 milioni), mentre sono arrivate a 4,3 milioni le pompe di calore ad uso riscaldamento.

 

Per quanto riguarda l’evoluzione di questo mercato fino al 2015, l’analisi del Ref-e prevede che continueranno a perdere posizioni, insieme alle caldaie tradizionali alimentate a gas, anche quelle a gasolio e a Gpl, mentre  aumenteranno considerevolmente il loro peso le caldaie a gas a condensazione e le pompe di calore. Per quest’ultime, in particolare, è prevista una diffusione più ampia rispetto alle tecnologie rinnovabili.

 

News correlate:

 

Cambia lo scenario della climatizzazione in Italia. Si diffondono tecnologie più efficienti e si contrae il mercato dei sistemi a gas

Commenti

Autenticarsi per postare commenti o risposte.
 

I commenti dei visitatori

Gianluca:
ARTICOLO MENZOGNERO.
Come tu...

Ass. Intercomunale Lucania:
Il solare termodinamico, molto spes...
Valter:
Entro il 2020, come è riportato ne...
 


Cloud