Per l’Africa il 2014 è l’anno delle rinnovabili.

Webmaster
| Categoria: Energia

Il 2014 è l’anno d’oro per le energie rinnovabili nell’Africa sub-sahariana: saranno inaugurati più impianti nel solo 2014 che nell’intero periodo fra il 2000 e il 2013. Le cause sono soprattutto l’aumento della domanda di elettricità e l’abbassamento dei costi. I settori energetici che avranno lo sviluppo maggiore sono il solare, l’eolico onshore e il geotermico.

A dirlo sono i dati di uno studio della Bloomberg New Energy Finance, specializzata in strategie energetiche a livello mondiale, che ha preso in esame in particolare tre Paesi dove lo sviluppo è particolarmente significativo: Sudafrica, Kenya ed Etiopia. In Sudafrica la crescita investirà soprattutto le installazioni degli impianti solari ed eolici, mentre in Etiopia principalmente eolici e geotermici. E l’andamento continuerà negli anni successivi: tra il 2014 e il 2016 il Sudafrica aumenterà la propria potenza energetica rinnovabile di 3900 MW, il Kenya di 1400 MW e l’Etiopia di 570 MW.

Questa grande crescita è sostenuta da rilevanti investimenti da parte di enti sovranazionali e istituti di credito internazionali: per esempio quello dello scorso luglio della African Development Bank, che ha fornito un prestito di oltre 100 milioni di euro alla società spagnola Abengoa per la costruzione dello Xina Solar One, un impianto solare da 100 MW già in cantiere in Sudafrica. Inoltre, lo scorso marzo un gruppo internazionale di banche e investitori ha garantito un finanziamento di circa 500 milioni di euro per lo sviluppo del Lake Turkana Wind Power Project: un impianto eolico da 310 MW nel nord del Kenya.

[Pierpaolo De Flego]

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

twitterlinkedinmailtwitterlinkedinmail

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

*