Efficienza: l’Europa è sulla rotta giusta per il target 2020

Webmaster
| Categoria: Energia

Grazie alle azioni che saranno intraprese nell’ambito della direttiva 2012/27 sull’efficienza energetica, l’Unione Europea si è messa sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di una riduzione del 20% dei consumi.  Verosimilmente nel 2020 tale obiettivo sarà sfiorato con un aumento dell’efficienza previsto al 18-19%.

 È quanto sostiene la Commissione Europea in un rapporto che sarà reso pubblico nei mesi prossimi ma le cui conclusioni sono state anticipate alla stampa. In base a queste previsioni, nel documento si afferma che non vi sarà bisogno, dunque, di adottare ulteriori iniziative in materia per rispettare l’impegno assunto per il 2020 e che, tenendo conto dell’accresciuta importanza dell’efficienza nel contesto della strategia energetica della Ue,  appare realistico stabilire per il 2030 un obiettivo di riduzione del 30-35%.

 L’importanza di queste conclusioni sta nel fatto che l’avvicinamento sostanziale al target del 2020 allontana la possibilità  che venga fissato un obiettivo vincolante in materia di efficienza energetica per il 2030. Secondo indiscrezioni, infatti, la Commissione sarebbe stata favorevole a questa imposizione solo a fronte di risultati deludenti che avessero
evidenziato fin da oggi il fallimento delle azioni avviate per il raggiungimento del target 2020.

 Resta in ogni caso aperto il dibattito sugli obiettivi climatici per il 2030 a fronte delle diverse posizioni che sono state assunte dall’Esecutivo di Bruxelles e dall’Europarlamento. Mentre la Commissione si è espressa, infatti, all’inizio dell’anno per un duplice obiettivo (riduzione delle emissioni al 40% e concorso delle rinnovabili al 27%), l’Assemblea di Strasburgo ha condiviso l’impostazione della Commissione solo per quanto riguarda il target sulle emissioni, pronunciandosi per un innalzamento al 30% dell’obiettivo sulle rinnovabili ed introducendo, come ulteriore  obiettivo vincolante, una riduzione del 40% dei consumi  energetici.

 Le divisioni in materia attraversano, inoltre, gli stessi Stati della Ue ed attualmente solo due paesi, Germania e Danimarca premono per l’adozione di un target vincolante sull’efficienza energetica al 2030.  Il 26 giugno il Consiglio europeo tornerà ad affrontare la materia per arrivare ad un accordo definitivo che sarà preso, verosimilmente, entro il prossimo ottobre.

News correlate:

Prende forma il nuovo pacchetto clima-energia della Ue. Obiettivi vincolanti per gas serra ed energie rinnovabili

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

twitterlinkedinmailtwitterlinkedinmail

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

*