Investimenti

Rinnovabili: investimenti crescono nel mondo, crollano in Italia

Webmaster
| Categoria: Energia

Nel 2014 gli investimenti nelle fonti rinnovabili sono cresciuti quasi ovunque. Quasi, perché, al contrario, in Italia hanno subito un crollo del 60% rispetto al 2013, soprattutto a causa dei tagli retroattivi a sostegno dei progetti fotovoltaici già esistenti. Lo riferiscono i dati del rapporto annuale della Bloomberg New Energy Finance (Bnef), che si occupa di analisi in materia energetica.

Secondo il rapporto nel mondo gli investimenti nelle rinnovabili sono cresciuti del 16% nel 2014 rispetto al 2013: quasi 273 miliardi di euro, contro i 236 miliardi del 2013. L’anno record per gli investimenti è ancora il 2011 (più di 280 miliardi di euro), ma è interessante notare che in un decennio gli investimenti sono più che quintuplicati: nel 2004 ammontavano “solo” a 53 miliardi di euro.

I finanziamenti maggiori del 2014 sono stati quelli per l’energia solare (in particolare per le installazioni dei pannelli fotovoltaici sui tetti delle case), che hanno segnato una crescita del 25% rispetto al 2013 (più di 131 miliardi di euro complessivi durante i 12 mesi); il secondo posto è dell’eolico, con una crescita dell’11% per quasi 88 miliardi di euro investiti in totale. Sono scesi invece gli investimenti nei biocarburanti (-7%) e nelle biomasse ed energie dai rifiuti (-10%).

Il ruolo di regina nel 2014 è della Cina, che ha investito quasi 79 miliardi di euro per le energie rinnovabili, con un aumento record del 32% rispetto al 2013. Grande crescita anche nella maggior parte dei Paesi più importanti: gli Stati Uniti, con una crescita dell’8% per un totale di 45 miliardi di euro, il Giappone (crescita del 12% e circa 36 miliardi di euro investiti), il Canada (+26% e quasi 8 miliardi di euro investiti), l’India (+14% e 7 miliardi di euro) e il Sudafrica (+5% e quasi 5 miliardi di euro). Del 3% la crescita degli investimenti in Germania e Regno Unito (in entrambi i casi sono stati investiti circa 13 miliardi di euro).

In Europa la crescita complessiva è stata appena dell’1%, con un totale di investimenti che rimane comunque cospicuo: quasi 60 miliardi di euro. Spicca la crescita del 26% in Francia: a giocare un ruolo fondamentale, il più grande parco fotovoltaico del continente, il progetto da 300 MW a Cestas (sud-ovest, vicino a Bordeaux).

Pierpaolo de Flego

News correlate:

Rinnovabili: boom di investimenti entro il 2030

Tecnologie pulite: riprendono fiato gli investimenti dopo i risultati deludenti del 2013. Ma l’Europa non esce dal tunnel

Per il secondo anno consecutivo calano nel mondo gli investimenti nelle energie pulite. Il primato negativo va all’Unione Europea

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

twitterlinkedinmailtwitterlinkedinmail

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

*