Inquinamento da ozono: in India i suoi effetti generano disastri

Webmaster
| Categoria: Ambiente

Quando si pensa all’ozono, viene subito in mente il buco nell’ozonosfera (lo strato atmosferico di fondamentale importanza per trattenere i raggi ultravioletti solari).

L’ozono è però anche un gas inquinante: i suoi effetti possono essere molto dannosi. A darne conferma è unostudio, condotto dall’American Geophysical Union, che ha valutato le conseguenze dell’inquinamento da ozono in uno dei Paesi maggiormente colpiti: l’India.

L’ozono viene prodotto dalla reazione del monossido di carbonio o dei nitrati (prodotti entrambi dagli scarichi industriali e dai veicoli stradali) con la luce del sole. Lo smog che ne deriva ha esiti ambientali devastanti: può rovinare intere aree coltivate, a causa dei suoi effetti letali sulla vegetazione.

La ricerca ha esaminato le conseguenze provocate dall’ozono in un anno in cui il livello di inquinamento in India era molto alto: il 2005. I danni rilevati sono di diversa natura, sia ambientale sia economica, con un danno di quasi 1 miliardo di euro. Il danneggiamento delle coltivazioni ha compromesso la produzione di 6 milioni di tonnellate di raccolto, tra riso, grano, soia e cotone. Grano e riso che avrebbero potuto soddisfare il fabbisogno alimentare di circa 94 milioni di persone (un terzo della popolazione povera del Paese), mentre per il cotone, uno dei beni di più ampio mercato, l’India ha perso più del 5% della sua produzione media annuale.

La ricerca è stata condotta anche per sensibilizzare le autorità indiane ad adottare politiche idonee sui livelli di ozono nell’aria, ancora assenti ma necessarie. Nel Paese le emissioni sono consistenti e in crescita, anche a causa dell’aumento di veicoli a motore nelle strade: nel 2003 ne transitavano 50 milioni, nel 2013 il numero è salito a 130 milioni. Una maggiore attenzione e provvedimenti adeguati sono necessari anche a fronte della nuova politica alimentare adottata dal governo, che prevede la fornitura annuale di 61,2 milioni di tonnellate di prodotti agricoli alle popolazioni più povere

di Pierpaolo De Flego

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

twitterlinkedinmailtwitterlinkedinmail

Tags:

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

*