Batterie solari: accumulo di elettricità più sostenibile

Webmaster
| Categoria: Energia | Sviluppo sostenibile

L’Innovazione sempre più al servizio degli usi sostenibili di energia. È infatti in attesa di essere brevettata la prima batteria solare del mondo, cioè un accumulatore elettrico ricaricato esclusivamente dalla luce e dall’aria. Il dispositivo è stato messo a punto nei laboratori della Ohio State University (OSU), da un team di ricercatori che è riuscito a combinare una batteria con una cella solare in un unico dispositivo ibrido in grado di produrre energia. Efficienza e sostenibilità quindi, oltre che una diminuzione del 25% dei costi dell’energia – secondo le speranze del team di ricerca – rispetto all’elettricità conservata nelle attuali batterie.

Chiave del dispositivo è una particolare struttura fotovoltaica realizzata a rete, cioè con dei microscopici forellini (del diametro di 200 micron) in grado di far passare aria. Questa è infatti indispensabile per le reazioni che consentono la decomposizione chimica del perossido di litio nella fase di carica (cioè di stoccaggio dell’elettricità generata dalla struttura fotovoltaica) e la sua ricostituzione nella fase di scarica.

Da notare che la nuova batteria solare riduce sensibilmente le perdite di energia elettrica che normalmente si verificano quando, per esempio, si ricarica una convenzionale batteria al litio con un pannello fotovoltaico esterno. Con il nuovo dispositivo, la radiazione solare viene convertita in elettricità direttamente all’interno della batteria, così che tutti gli elettroni vengano impiegati attivamente nel processo.

Sulla base di primi test, il team dell’OSU ritiene che la nuova batteria solare possa essere prodotta con caratteristiche di funzionamento paragonabili a quelle ricaricabili già presenti sul mercato, ma in modo più sostenibile e a costi più bassi.

Il progetto beneficia anche dei finanziamenti del Dipartimento per l’Energia: il gruppo di ricerca sta lavorando per ottenere i necessari perfezionamenti e miglioramenti di prestazione, in un’ottica di commercializzazione.

 

Giada De Sanctis

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

twitterlinkedinmailtwitterlinkedinmail

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

*