Ambiente e salute: le aree verdi contrastano l’obesità

Webmaster
| Categoria: Ambiente

Le aree verdi migliorano la qualità dell’aria e mettono anche un freno al problema dell’obesità giovanile: due benefici in uno. Lo afferma uno studio di un gruppo di ricercatori delle Università del Minnesota e del Missouri, dal titolo Association of outdoor recreation availability with physical activity and weight status in Minnesota youth.

La ricerca ha preso in esame tutte le contee dello Stato del Minnesota: ha considerato il numero di riserve naturali, prati, parchi pubblici, aree bloccate al traffico e zone forestali, e i relativi tassi di attività fisica e obesità giovanili.

Dai risultati è emerso che nelle contee dove è presente un numero maggiore di parchi cittadini, prati e zone forestali i giovani sono più portati a svolgere attività fisica all’aperto, come passeggiate o gite in bicicletta. In queste contee, inoltre, i casi di obesità giovanile sono molto ridotti. La presenza, invece, di riserve naturali, non porta allo stesso esito: i ricercatori hanno associato questo aspetto al fatto che le riserve, pur avendo un’enorme importanza nella conservazione della natura e nel rispetto ambientale, non coinvolgono attivamente i giovani.

La proposta del gruppo di ricerca è di intensificare la creazione di nuove aree e diversificarle il più possibile, con laghi artificiali, prati e sentieri. I requisiti necessari sono la cura dell’aspetto ricreativo e il blocco alla circolazione dei mezzi motorizzati, in modo da “obbligare” i giovani a muoversi.

L’obiettivo è stato pensato non solo per il Minnesota, ma in generale per gli Stati Uniti: un Paese, dove l’obesità è un problema urgente a livello giovanile e non. Secondo i dati del 2013 dei Centers of Disease Control and Prevention, sono obesi 12,7 milioni di giovani americani fra i 2 e i 19 anni (il 17% del totale) e 78,6 milioni di adulti (il 34,9% del totale).

[Pierpaolo de Flego]

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

twitterlinkedinmailtwitterlinkedinmail

Tags: ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

*