Città

Sottoterra o sui tetti: l’agricoltura nelle grandi città

Webmaster
| Categoria: Sviluppo sostenibile

Quasi sei miliardi di persone vivranno in città nel 2050 (il 66% della popolazione mondiale prevista): è quanto stimato in un documento delle Nazioni Unite. Un mondo molto più cittadino, con tutte le conseguenze e i problemi che ne potrebbero derivare. Uno di questi, quello alimentare: la sovrappopolazione implicherebbe un notevole incremento del fabbisogno di cibo nelle città e, dunque, un trasporto più intenso dalle zone di produzione agricola e di allevamento. Da qui, l’altissima probabilità che cresca l’inquinamento cittadino, derivato dalle emissioni dei mezzi di trasporto e dai rifiuti del cibo e degli imballaggi.

Per fare fronte a questo problema, negli ultimi anni è aumentato sempre di più il fenomeno delle coltivazioni all’interno delle grandi città. Il caso più recente è quello di Londra: nella capitale inglese l’azienda Zero Carbon Food sta ultimando un progetto, che prevede l’utilizzo di un tunnel sotterraneo (originariamente un rifugio della seconda guerra mondiale), riadattato a sito per la produzione agricola. Il tunnel è lungo 33 metri, per un’area totale di 10.000 metri quadrati. Il progetto è stato avviato un anno fa, nel gennaio del 2014, e prevede la coltivazione di vegetali nel sottosuolo utilizzando un sistema di luci a led; sono appena stati conclusi i primi test, che hanno valutato la produzione di insalata e altri ortaggi in un piccolo appezzamento di prova. L’esito è stato positivo: per i prossimi mesi è previsto l’avvio delle vendite dei prodotti ai ristoranti e nei mercati londinesi.

Quello di Londra non è un caso isolato. Il trasferimento della campagna in città è un’iniziativa adottata anche in Asia, soprattutto in India, dove si stima che entro il 2050 più di 800 milioni di abitanti vivranno in città, e in Cina. Già dal 2012 sono in corso due progetti di agricoltura metropolitana in India: a Bombay l’azienda locale Fresh and Local ha riadattato il tetto di un palazzo della città a terreno coltivabile; nella metropoli di Hyderabad, i tetti di dieci palazzi sono stati convertiti in terreni di coltivazione, nell’ambito del progetto Gardens of Abundance.

Pierpaolo de Flego

News correlate:

Sarà un pianeta sempre più “cittadino”: entro il 2050 la popolazione urbana crescerà di 2,5 miliardi. Con quali conseguenze?

Coltivazioni indoor: date a ogni pianta la luce di cui ha bisogno. Nuovo progetto di illuminazione a LED più efficiente e sostenibile

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

twitterlinkedinmailtwitterlinkedinmail

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

*