2015

Energia e clima: il piano d’azione dell’Europa per il 2015

Webmaster
| Categoria: Clima | Energia

Presentato il 16 dicembre a Strasburgo il piano d’azione per il 2015 dell’Unione Europea: il documento che anticipa i programmi politici, economici e sociali e gli obiettivi che tutti i Paesi dell’Unione Europea dovranno perseguire durante il prossimo anno.

Dal punto di vista delle questioni energetiche e ambientali, l’obiettivo europeo per il clima è la riduzione entro il 2030 del 40% delle emissioni di gas serra rispetto ai dati del 1990. Per questo, la politica energetica europea per il 2015 sarà una continuazione del lavoro già intrapreso, per la riduzione della domanda di energia pro capite, la diminuzione della produzione di anidride carbonica nei mix energetici di ogni Paese, la garanzia della disponibilità di energia per tutti e la promozione della ricerca e dell’innovazione nel settore energetico.

Ma non solo. Nel 2015 verranno valutati anche i risultati ottenuti dalle direttive europee del 2009 (e stabilite eventuali modifiche per rafforzarle): quella sulla promozione dell’utilizzo di fonti di energia rinnovabile, quella sullo stoccaggio geologico dell’anidride carbonica, quella sulla diminuzione delle emissioni del settore automobilistico e quella sul miglioramento della qualità dei carburanti.

Per quanto riguarda le iniziative, in generale, di sviluppo sostenibile, l’Europa pone al centro dell’attenzione per il 2015 la questione dell’immigrazione. L’obiettivo è, innanzitutto, promuovere le misure per garantire la legalità del fenomeno ed eliminare il traffico umano illegale. Inoltre, incentivare maggiormente le opportunità per gli immigrati di sfruttare la propria istruzione e le proprie conoscenze e competenze lavorative nei Paesi dell’Unione Europea che li accolgono.

Pierpaolo de Flego

News correlate:

Sicurezza energetica: la strada maestra in Europa è quella dello sviluppo delle rinnovabili nazionali

Dall’Unione Europea norme vincolanti per i carburanti alternativi

Europa più verde e più sostenibile, ma anche più ricca e “occupata”. Non è un sogno, è la Bioeconomy

Facebookgoogle_plusFacebookgoogle_plus

twitterlinkedinmailtwitterlinkedinmail

Tags: , ,

Trackback dal tuo sito.

Lascia un commento

*